Schizzi messicani da un nuovo racconto

Pubblico un estratto da una bozza di racconto, il cui argomento è la presenza ambigua dell’italiano in terra messicana (in attesa di scrivere anche due racconti in spagnolo, per la prima volta in vita mia.) A questo servirebbe forse il web, ad aprire spazi impuri e in revisione, spazi “brutti”. Poi, per il resto, c’è…

Teatro Valle Occupato, scendiamo tutti quanti al Valle!

Ricordo, al Teatro Valle, il mio primo spettacolo da autore-attore a Roma, nel 2005 (nelle finali del Premio Dante Cappelletti). Il palco gigantesco, leggermente in pendenza, in mezzo al quale si perdeva il piccolo tappeto d’erba sintetica 6 x 6, sul quale sudavo verbalmente e fisicamente con un altro attore, per realizzare il mio testo-hommage…

Un racconto sull’agosto 1944 a Firenze (estratto)

«Copriti, fuoco, copriti», cantilenava bozzettato dal solleone. A vederne il garbo, in quel polverone agostano solatio, Alberto ci provava, grugnendo al sole, calciando un calcinaccio appena venuto giù dal muro dell’appartamento di sopra. Il condominio spingeva la sua squadrata ombra sulla strada, in una profondità illusoria di fondale da cinematografo. Era accorso l’ortolano a dire…

Colossali / Calvino e il museo dei formaggi di Parigi

“Il signor Palomar fa la coda in un negozio di formaggi, a Parigi. Vuole comprare certi formaggini di capra che si conservano sott’olio in piccoli recipienti trasparenti, conditi con varie spezie ed erbe. La fila dei clienti procede lungo un banco dove sono esposti esemplari delle specialità più insolite e disparate. E’ un negozio il…